Questa mattina il “Fatto Quotidiano” ha pubblicato alcuni stralci del libro di Marco Lillo, “Di Padre in Figlio”, che rivelano un dialogo tra Matteo Renzi e suo padre relativo all’inchiesta Consip. Il dialogo è stato riportato perché le utenze di Tiziano Renzi erano sotto controllo. L’ex Presidente del Consiglio una volta lette le intercettazioni ha pubblicato un post su Facebook dove ribadisce la sua serietà.
Renzi chiede più volte conto al padre dei suoi rapporti con Alfredo Romeo e di eventuali incontri con l’imprenditore napoletano. Renzi dice: “Devi dire nomi e cognomi. E’ vero che hai fatto una cena con Romeo?”. Il segretario del ##, ovviamente, è conscio di poter essere sotto controllo indiretto da parte degli inquirenti, ma questo non gli impedisce di incalzare il genitore, piuttosto incerto nelle risposte, e di chiedere un’omissione.
[Solo i registrati e attivati possono vedere i links. ]
[Solo i registrati e attivati possono vedere i links. ] pubblicato su [Solo i registrati e attivati possono vedere i links. ] 16 maggio 2017 10:36.
[Solo i registrati e attivati possono vedere i links. ] [Solo i registrati e attivati possono vedere i links. ]


[Solo i registrati e attivati possono vedere i links. ]