Redazione QualEnergia.it


Il Fondo Monetario Internazionale ipotizza che il barile rimarrà intorno a 55 dollari nel biennio 2017-2018. Questo livello di prezzo, insieme ai tagli della produzione decisi dai paesi OPEC e non-OPEC, potrebbe favorire la ripresa dei giacimenti non convenzionali negli Stati Uniti. La previsione nel nuovo World Economic Outlook.





Immagine Banner:



Prezzi stabili e poi in leggero calo, ripresa della produzione nei giacimenti non convenzionali: non c’è alcuna impennata del petrolio all’orizzonte, secondo il World Economic Outlook appena pubblicato dal Fondo Monetario Internazionale (FMI).Il rapporto include un approfondimento (pag. 52-62, vedi allegato in basso) sulle quotazioni del barile e il ruolo dello shale oil, l’oro nero estratto dagli scisti. Contenuto Riservato

Riservato:
OFF




Contenuto a Pagamento

A Pagamento:
OFF




leggi tutto


Leggi articolo completo...