10 gennaio 2015 -#Antonio Felix da costa ha vinto il quarto round del campionato di Formula E a Buenos Aires. 2° Prost, 3° Piquet. 6° Vergne. Doppio ritiro per il team Trulli, Jarno 16° a cinque giri per problemi elettrici e e Michela Cerruti ferma dal 20°Alla fine sembrava che nessuno volesse vincere questa gara: Buemi in testa finisce a muro, Di Grassi lo segue poco dopo per il cedimento della sospensione, Heidfeld deve cedere la leadership per scontare una penalità. Nessun errore invece per il portoghese ex Red Bull, che porta a casa la prima vittoria della stagione.Nessun cambiamento rispetto all’ordine emerso dalle qualifiche. FanBoost assegnato a Senna, Heidfeld e Vergne. Prima del via, alle 15.52 locali, minuto di silenzio per ricordare le vittime degli attentati terroristici di Parigi, presente anche il presidente della FIA Jean Todt.Tutto regolare allo start nelle prime posizioni: Buemi mantiene la testa del gruppo, mentre Heidefeld sorpassa Alguersuari alla prima curva con una gran manovra all’esterno. Seguono Bird, di Grassi, Vergne, da Costa Prost, Pequet e Abt a chiudere la top ten. Nelle retrovie, Michela Cerruti#è dovuta riparare subito ai box dopo una toccata a muro: rientrerà in gara ma staccata di due giri.Al secondo passaggio, di Grassi supera Bird per la quarta posizione mentre Heidfeld spreca il suo Fan Boost e non riesce a passare Buemi. In fondo al gruppo, Andretti e Duran si danno battaglia ed è Senna che prova ad approfittarne passando il messicano, che poi si riprende la posizione.Nel corso del settimo giro Di Grassi infila Bird al tornantino e poco dopo è Felix da Costa a portarsi davanti a Vergne, reo di aver allargato troppo la traiettoria nel tentativo di attaccare a sua volta il britannico. Di Grassi sembra avere una marcia in più in questa fase di gara e si porta subito negli “scarichi” di Heidfeld, che supererà dopo un lungo studio al 14° giro, con una manovra fotocopia a quella su Bird. Problemi per il tedesco che, complice un lungo alla chicane, subisce il doppio sorpasso delle Virgin e resiste a fatica alla Amlin Aguri di Da Costa.Al sedicesimo fa la sua comparsa la Safety Car, mai rimasta in pitlane così a lungo in questa stagione: all’uscita della chicane, la sospensione posteriore destra della Mahindra di Chandhok cede di schianto, probabilmente per un passaggio troppo aggressivo sui cordoli, spedendo a muro l’indiano che dopo un 360° parcheggia a bordo pista. Tutti ai box per cambiare macchina, e in questo frangente Sam Bird rovina la sua gara ignorando il semaforo rosso.Dopo sei giri piuttosto confusi per un errore della Safety Car, la gara riparte e Buemi commette subito un errore grossolano colpendo il muro interno all’ingresso della chicane: via libera a Di Grassi, tallonato da Hedifeld, mentre Da Costa è lotta con Sam Bird, con il vincitore di Putrajaya che passa il portoghese. Dopo 25 giri, la situazione è la seguente: Di Grassi, Heidfeld, Bird, Da Costa, Alguersuari, Vergne, Prost. Bird deve scontare il drive trough e saluta la lotta per il podio.Il brasiliano non ha quasi tempo di godersi la ledership (sognando l’allungo in classifica) che la cronica fragilità delle Spark Renault SRT_01E colpisce anche lui: sospensione posteriore rotta in uscita di chicane e gara finita. Heidfeld ha il via libera in testa con Da Costa secondo e Alguersuari terzo incalzato da Vergne.Al 32° leggero contatto tra Vergne e lo spagnolo in frenata, con il francese che sale 3°. Le sorprese non sono finite, perché a Heidfeld viene comminata una penalità per eccesso di velocità in pitlane. Da Costa diventa leader solitario, mentre alle sue spalle succede di tutto: Alguersuari viene tamponato da Daniel Abt, Vergne finisce lunghissimo in frenata e perde il secondo posto, facendosi passare da Prost, Piquet, Alguersuari e finendo sesto dopo un ulteriore contatto con Senna.Sotto alla bandiera a scacchi, transita così per la prima volta in stagione da vincitore il portoghese della Amlin Aguri Antonio Felix da Costa, che regala il primo successo al team di Aguri Suzuki (a punti anche il suo compagno di squadra, Duran, che chiude 8°). Secondo posto per Nicolas Prost, al migliore risultato stagionale. Terzo, per la seconda volta a podio dopo Punta del Este, Nelsinho Piquet.Complice lo stop di Lucas di Grassi, rimasto per la prima volta a secco, la classifica si accorcia: il brasiliano guida sempre con 58 punti, ma ora Bird, oggi settimo ma autore del giro più veloce che gli regala altri due punti, è a meno 10.
Pos Pilota Team Tempo/Gap Gpv
1 Antonio Felix da Costa Amlin Aguri 48:52.100 1:12.694
2 Nicolas Prost e.dams-Renault +5.354s 1:12.436
3 Nelson Piquet Jr China Racing +8.552s 1:11.591
4 Jaime Alguersuari Virgin Racing +11.148s 1:12.292
5 Bruno Senna Mahindra Racing +11.535s 1:11.923
6 Jean-Eric Vergne Andretti +13.319s 1:12.205
7 Sam Bird Virgin Racing +13.617s 1:11.540
8 Salvador Duran Amlin Aguri +14.724s 1:12.747
9 Nick Heidfeld Venturi +15.464s 1:12.217
10 Oriol Servia Dragon Racing +19.334s 1:12.551
11 Stephane Sarrazin Venturi +28.973s 1:13.149
12 Ho-Pin Tung China Racing +37.858s 1:13.430
13 Marco Andretti Andretti +1 giro 1:13.014
14 Daniel Abt Abt +2 giri 1:12.164
15 Jerome d’Ambrosio Dragon Racing +2 giri 1:11.574
16 Jarno Trulli Trulli +5 giri 1:13.049
17 Lucas di Grassi Audi Sport Abt +9 giri 1:12.114
18 Sebastien Buemi#(P) e.dams-Renault +12 giri 1:12.638
19 Michela Cerruti Trulli +15 giri 1:16.300
20 Karun Chandhok Mahindra Racing +20 giri 1:13.050




10 gennaio 2015 -#Antonio Felix da costa ha vinto il quarto round del campionato di Formula E a Buenos Aires. 2° Prost, 3° Piquet. 6° Vergne. Doppio ritiro per il team Trulli, Jarno 16° a cinque giri per problemi

Leggi articolo completo...