1 gennaio 2015 – Con il suo arrivo alla Ferrari Jean-Eric Vergne ha indubbiamente messo a segno un buon colpo dopo la fine del rapporto di collaborazione con la Toro Rosso.Nelle scorse settimane il pilota francese, che nel 2015 sarà al simulatore di Maranello per aiutare il team nello sviluppo della vettura su cui siederanno Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, sembrava ormai destinato ad un futuro fuori dal Circus, magari nella serie Indycar dove già corrono i suoi connazionali Bourdais e Pagenaud. Tuttavia la chiamata del Cavallino ha indubbiamente rappresentato un’ancora di salvezza per JEV, che così avrà la possibilità di restare nel giro in attesa di un’altra opportunità. Infatti con l’eventuale uscita di scena di Raikkonen, in scadenza di contratto alla fine del prossimo anno, per il transalpino potrebbero aprirsi degli scenari interessanti in vista del 2016. Naturalmente è un buon modo per rimanere in contatto con il paddock. Ma, oggi, l’unica motivazione che ho è quello di aiutare la Ferrari a vincere di nuovo” – ha dichiarato Vergne in occasione di un’intervista al quotidiano sportivo L’EquipeArrivo nel team più prestigioso della F1. Si tratta della Scuderia, della storia, e questo è importante. Personalmente, io farò di tutto per mettere a frutto la mia esperienza al simulatore”.“Essere alla Ferrari è una grande sensazione. Preferisco essere in panchina alla Ferrari piuttosto che fare il titolare in una squadra come la Caterham. Sono ancora molto giovane per la F1 e ho ancora diversi anni di carriera da sfruttare. Grazie al solido bagaglio di esperienza che ho già acquisito il futuro è di fronte a me” – ha aggiunto JEV,# il quale ha poi spiegato che con la Scuderia tutto si è concretizzato “molto rapidamente, in una settimana”. E proprio l’esperienza accumulata in questi anni al simulatore della Red Bull, ritenuto uno fra i migliori attualmente in uso nel Circus, e i tre anni passati da titolare in Toro Rosso, hanno contribuito alla scelta operata dalla Ferrari di metterlo sotto contratto. Del Cavallino, così come riporta anche nextgen-auto.com, Vergne non aveva mai parlato in precedenza, nemmeno con l’amico Jules Bianchi, che a Maranello ha svolto quel ruolo che lo stesso JEV andrà a ricoprire a breve. “No, se non in modo molto marginale e senza mai entrare nei dettagli. Ma oggi, più degli altri giorni, il mio pensiero è rivolto a lui“. Infine, parlando del suo 2015, il pilota francese ha confermato che non prenderà parte ad alcun campionato alternativo alla F1 e che inizierà il suo lavoro alla Ferrari “molto rapidamente, non vedo l’ora! Senza dubbio all’inizio di gennaio“.

1 gennaio 2015 – Con il suo arrivo alla Ferrari Jean-Eric Vergne ha indubbiamente messo a segno un buon colpo dopo la fine del rapporto di collaborazione con la Toro Rosso.Nelle scorse settimane il pilota francese, che nel 2015

Leggi articolo completo...