30 dicembre 2014 -#Cal Crutchlow ha spiegato che l’incidente di Austin ha condizionato il prosieguo della sua stagione con la Ducati nel Mondiale MotoGP 2014.Podio di Aragon a parte, che rappresenta il punto più alto dell’anno, la stagione di Crutchlow è stata caratterizzata da tantissimi bassi, con ben otto ritiri e un solo arrivo nella top five a Valencia: il risultato finale è stato un 13° posto in campionato con 74 punti all’attivo: il matrimonio con Ducati non ha funzionato, e dall’anno prossimo il britannico farà il suo esordio su una Honda (dopo aver corso tre anni con Yamaha e un anno con la Rossa di Borgo Panigale) del team di Lucio Cecchinello. Se nella squadra italiana Crutchlow ha dovuto vedersela con Andrea Dovizioso, pilota esperto e di casa, nel team CVM LCR Hondasarà lui il punto di riferimento, visto che nel box accanto ci sarà il rookie Jack Miller su una Open.Ad Austin, seconda gara della stagione, Crutchlow cadde in gara rimediando una microfrattura al mignolo della mano destra #che lo costrinse anche a saltare l’appuntamento con il GP di Argentina, interrompendo un processo di apprendistato sulla GP14 che era appena iniziato. Una caduta che ha condizionato l’intera stagione, come spiegato ad Autosport dallo stesso britannico: “È stato solo dopo il mio crash ad Austin, fino ad allora ero fiducioso. Penso che probabilmente sia stato uno dei più grossi incidenti della mia carriera. Dopo, non ho voluto spingere e prendere rischi come facevo prima fino a quando non ho ritrovato fiducia. Mi ci è voluto molto perché non conoscevo davvero la moto”.Carenza di risultati e un rapporto ormai logoro convinsero Ducati a puntare solo su Dovizioso e ad annunciare Iannone per la prossima stagione: “Ovviamente gli altri ragazzi hanno iniziato ad avere aggiornamenti nel corso dell’anno, e questo ha reso il gap anche maggiore. Ma una volta che sono sentito a mio con la moto, sono tornato a spingere. Non voglio essere frainteso, anche dalla mia parte del box abbiamo fatto molti errori, rotture meccaniche e un sacco si altre cose non solo in pista. Penso che si sia accumulato tutto. (Ma) una volta ritrovata la forma ho mostrato di poter essere competitivo”.

30 dicembre 2014 -#Cal Crutchlow ha spiegato che l’incidente di Austin ha condizionato il prosieguo della sua stagione con la Ducati nel Mondiale MotoGP 2014.Podio di Aragon a parte, che rappresenta il punto più alto dell’anno, la stagione …

Leggi articolo completo...