29 dicembre 2014 – La UBI ha deciso di fare ricorso contro la decisione dell’Alta Corte di Calcutta di respingere la definizione di “debitore intenzionale” contro Vijay Mallya.Dopo la buona notizia ricevuta nei giorni scorsi, Vijay Mallya potrebbe iniziare il 2015 con altri problemi in vista. La Kingfisher Airlines, la compagnia fondata dal magnate indiano nel 2005 e fallita nel 2012, perderà nei prossimi giorni il permesso di volo, visto che la finestra di rinnovo del permesso si chiuderà il prossimo 31 dicembre, mentre la United Bank of India ha deciso di appellarsi contro la decisione della Corte di Calcutta di rovesciare la decisione della stessa banca di definire Mallya come “debitore intenzionale”.La Kingfisher Airlines aveva chiuso le sue attività nell’ottobre del 2012, perdendo la licenza di volo il 31 dicembre dello stesso anno, quando la direzione generale dell’aviazione civile non ha voluto rinnovarla in seguito all’impossibilità della compagnia di fornire un piano soddisfacente per continuare le operazioni di volo. Tuttavia, alla compagnia è stata concessa una finestra di 2 anni per poter rinnovare il permesso di volo.La UBI, intanto, ha deciso di fare ricorso contro la decisione dell’Arta Corte di Calcutta di respingere la decisione della banca di dichiarare Mallya e la Kingfisher Airlines come “debitore intenzionale”, una definizione data a quei soggetti che non pagano i propri debiti con le banche sebbene abbiano le possibilità e le risorse di poterlo fare. La Corte aveva rovesciato la decisione della UBI a causa di un “cavillo”: la presenza, cioè, di un membro#extra della banca nel comitato di giudizio, avendone 4 invece che i 3 concessi dalla legge, causando così, secondo le banche creditrici della Kingfisher Airlines, un#possibile ritardo del recupero dei debiti dalla compagnia che, secondo nuovi calcoli, ammonterebbero, in totale, a ben 70 miliardi di rupie (ben 900 milioni di euro!), con i debiti verso la UBI che invece sono nell’ordine dei 3,5 miliardi di rupie, circa 45 milioni di euro. La compagnia, inoltre, non pagherebbe gli stipendi di 2000 ex-dipendenti dal settembre del 2012.

29 dicembre 2014 – La UBI ha deciso di fare ricorso contro la decisione dell’Alta Corte di Calcutta di respingere la definizione di “debitore intenzionale” contro Vijay Mallya.Dopo la buona notizia ricevuta nei giorni scorsi, Vijay Mallya potrebbe iniziare …

Leggi articolo completo...