28 dicembre 2014 – Il fuoco è ancora ben vivo, sotto la cenere. McLaren si allinea, infatti, a Ferrari e Renault per adottare lo scongelamento delle power unit.Durante il periodo natalizio siamo tutti più buoni, o almeno dovremmo esserlo. Si, perché in Formula 1 continua una guerra tacita ma serrata tra i vari costruttori e fornitori di motori circa l’ormai famigerato scongelamento delle power unit.#Forte dell’appoggio di Honda, anche McLaren si allinea a Ferrari e Renault per tentare di contrastare lo strapotere Mercedes.La casa teutonica, dal canto suo, si barrica in difesa, sostenendo che una liberalizzazione degli sviluppi sui propulsori innalzerebbe in maniera ingente ed esorbitante i costi. Per Eric Boullier, Racing Director di Woking, le regole dovrebbero essere modificate in virtù dello spirito competitivo di questo sport. “Ottenere qualcosa che aumenti stupidamente i costi non è il nostro ultimo scopo, ma la competizione in questa categoria è serrata, e dobbiamo essere in grado di modificare le vetture a nostro piacimento. Per quanto riguarda le power unit, penso che andrebbero congelate soltanto una volta raggiunto il massimo livello di sviluppo. Disabilitare la competizione è contraria ai principi ed allo spirito dello sport.”Se le regole non dovessero essere modificate, per Boullier Mercedes rimarrà in posizione di assoluto ed incredibile vantaggio per molto tempo ancora. “A Stoccarda hanno svolto un ottimo lavoro, intendiamoci, ma beneficiano di un regolamento bloccato. Il vantaggio maggiore deriva dal sistema propulsivo, ed occorreranno diversi anni ai rivali per avvicinarsi alle loro prestazioni. Se dovessimo scongelare le regole che bloccano lo sviluppo attivo dei motori, vedremmo qualcuno in grado di avvicinarsi loro.”

28 dicembre 2014 – Il fuoco è ancora ben vivo, sotto la cenere. McLaren si allinea, infatti, a Ferrari e Renault per adottare lo scongelamento delle power unit.Durante il periodo natalizio siamo tutti più buoni, o almeno dovremmo esserlo. …

Leggi articolo completo...