23 dicembre 2014 – Se all’indomani del siluramento Montezemolo aveva detto di aspettarsi un “grazie in più” dalla famiglia Agnelli, il giorno dopo la conferenza congiunta di Arrivabene e Marchionne l’ex presidente della Ferrari è tornato a parlare per difendere quanto fatto a Maranello sotto la sua presidenza, in risposta evidentemente alle parole pronunciate ieri dal suo successore.Non aveva fatto sconti a nessuno Marchionne, imputando il ritardo con cui il team affronterà il 2015 alle scelte errate compiute dai suoi predecessori: “Siamo partiti indietro per colpa di scelte fatte da altre persone. Scelte che io non necessariamente condivido. [...] con il senno del poi, è stato un errore. Un errore per il quale adesso stiamo entrando in questa stagione con un bel po’ di ritardo”#(leggi qui). E parlando di Montezemolo, oltre a confermare l’intenzione di porre il veto qualora venisse proposto a Ceo del F1 Group, il manager italo-canadese aveva detto: “Ha svolto un grande lavoro, lo stimo molto, ma il mondo è cambiato e bisogna cambiare pagina” (leggi qui).Lasciate passare le prime 24 ore, e visto probabilmente anche il credito di cui ancora gode presso i vari maggior parte degli organi di stampa (molto perplessi per la questione veto, leggi qui), Montezemolo ha deciso di rompere il silenzio parlando all’Ansa: “Mi sono ripromesso di non fare polemiche per il profondo amore che nutro per la Ferrari, per il rispetto che merita chi vi lavora oggi e chi vi ha lavorato e vinto sui mercati e sui circuiti di gara. In queste settimane ho assistito però ad esternazioni reiterate, gratuite ed in alcuni casi non rispondenti alla realtà dei fatti. Non intendo raccogliere tali provocazioni. I successi sportivi, superiori a quelli conseguiti da qualunque altra squadra, la forza e il prestigio raggiunto dal brandnel mondo e i risultati economico-finanziari che sono stati fondamentali per il Gruppo FCA e che quest’anno saranno i migliori nella storia dell’Azienda, parlano da soli. Confido davvero che il Natale rassereni gli animi e porti a tutti i consigli migliori”.

23 dicembre 2014 – Se all’indomani del siluramento Montezemolo aveva detto di aspettarsi un “grazie in più” dalla famiglia Agnelli, il giorno dopo la conferenza congiunta di Arrivabene e Marchionne l’ex presidente della Ferrari è tornato a parlare per difendere

Leggi articolo completo...