30 novembre 2014 -#Jolyon Palmer, campione GP2, ammette in tutta onestà di sperare in un posto in F1, ma allo stesso tempo si sta guardando attorno in altre categorie.Vincere il titolo di GP2 non da diritto automatico ad un sedile in Formula 1, e lo sta imparando a sue spese – dopo il nostro Davide Valsecchi – anche Jolyon Palmer, fresco campione di categoria. Il pilota, che era stato accostato alla Caterham nelle fasi finali della stagione, ammette che le sue speranze di approdare nella massima categoria automobilistica a livello mondiale stanno via via scemando, dopo la crisi che ha colpito la stessa scuderia di Leafield e la Marussia.“Non ho molte idee sul mio futuro, al momento!” commenta Palmer. “Lo scopo è sempre quello di correre anche la prossima stagione, ma le 18 vetture sono già occupate da altrettanti piloti, eccezion fatta per McLaren, sulla quale posso dirvi di sicuro che non salirò. Le possibilità più concrete per correre le offrivano Caterham e Marussia, ma al momento sto aspirando ad un ruolo da terzo pilota, che mi consenta di passare parecchio tempo in pista ed avere parte attiva all’interno della squadra. Poi, comunque, non esiste solo la Formula 1.L’esperienza maturata in settimana passata, con i test al volante della Force India, potrebbe rappresentare un buon argomento nel proprio curriculum. Senza dubbio i test di Abu Dhabi sono stati importanti. Sono rimasto sorpreso di quanto mi sia adattato velocemente alla monoposto, e sono felice dei progressi che ho fatto. La F1 e la GP2 sono parecchio diverse tra di loro, e non solo per il tempo sul giro. Senza dubbio è stato utile lavorare a stretto contatto con il team, anche per il mio futuro. Ogni chilometro percorso in questa categoria mi tornerà utile.”

30 novembre 2014 -#Jolyon Palmer, campione GP2, ammette in tutta onestà di sperare in un posto in F1, ma allo stesso tempo si sta guardando attorno in altre categorie.Vincere il titolo di GP2 non da diritto automatico ad …

Leggi articolo completo...